Acqua Sulfurea e Crateri nel Territorio dell’Alta Tuscia

L’origine dell’Alta Tuscia è antica, vediamo le fasi della formazione del complesso vulcanico dei Volsini dal quale è nato poi tutto il nostro territorio.

Vista satellitare dell'Alta Tuscia Laziale
Vista satellitare dell’Alta Tuscia Laziale

Circa 2 milioni di anni fa emersero dal mare alcuni sedimenti argillosi dai quali si formarono il monte Cetona, il monte Amiata ed i monti Cimini. Un milione e duecentomila anni dopo circa, vi furono delle piccole eruzioni vulcaniche e si formò Torre Alfina. Duecentomila anni dopo vi fu la vera e propria formazione del territorio con grandi esplosioni vulcaniche e colate laviche, altri duecentomila anni circa e vi furono altre eruzioni vulcaniche con sprofondamento del terreno e la formazione di Bolsena, Montefiascone, Bagnoregio ed Orvieto. Migliaia di anni dopo vi fu uno sprofondamento più accentuato della depressione e si formò il lago di Bolsena, che successivamente per il clima arido e caldo si ritirò per circa 20 metri fino a diventare come lo conosciamo oggi. Il nostro bellissimo lago quindi non si è formato da un solo cratere vulcanico, bensì da una serie di bocche che sprofondando hanno creato questo bacino. L’attività geologica è presente anche ai giorni nostri con sorgenti di acqua calda in varie parti del lago e tutto intorno al bacino. Altri esempi di questa attività sono presenti nella valle sotto Latera ( vapore a 220°C ) e sul monte Amiata ( vapore a 170°C ), nonché nei pressi di Viterbo con il Bullicame e le Terme con acqua sulfurea a 37°C. Per informazioni più dettagliate sulle attività geologiche e la formazione del nostro territorio vi consiglio la lettura del sito dedicato al lago di Bolsena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *