Acquapendente, la Città dei Pugnaloni

Al confine tra Lazio e Toscana si trova un’altra splendida cittadina di circa 5.500 abitanti che si chiama Acquapendente, la città dei Pugnaloni. Purtroppo non abbiamo cenni storici dell’età etrusca o romana in quanto non sono mai stati fatti abbastanza scavi archeologici, ma il territorio è pieno di vegetazione e caverne che lo fanno essere unico.

Vista di Acquapendente
Vista di Acquapendente 

Ogni terza domenica di maggio viene celebrata la festa della Madonna del Fiore alla quale vengono offerti i Pugnaloni, che sono dei quadri fatti di petali di fiori in onore della liberazione dall’oppressione del governatore Federico I Barbarossa.

I Pugnaloni di Acquapendente
I Pugnaloni di Acquapendente 

Altro evento importante in Acquapendente è il Carnevale con la sfilata dei carri allegorici.
Per maggiori informazioni su Acquapendente e le sue manifestazioni potete visitare il sito della pro loco.

Bolsena ed il Miracolo di Santa Cristina

Il comune di Bolsena ha circa 4.000 abitanti ed è quello che dà il nome al lago omonimo. Molto frequentato dai turisti ha molte strutture sia alberghiere che di campeggio. Oltre ad avere particolare interesse turistico è anche molto conosciuto per essere il luogo del miracolo di Santa Cristina.

Cartolina da Bolsena
Cartolina da Bolsena

Questo famoso episodio avvenne nel 1263. Un prete boemo stava celebrando l’eucarestia ed avrebbe avuto dei dubbi sulla transustanziazione e dall’ostia cadde del sangue che bagnò il corporale ed i lini liturgici. Il papa Urbano IV che si trovava nella vicina Orvieto fu informato dell’accaduto e volle vedere i lini insanguinati. Un anno dopo il papa promulgò la Bolla Transiturus che istituiva la festa del Corpus Domini. La processione del Corpus Domini a Bolsena infatti è molto conosciuta e molto caratteristica per la presenza dell’infiorata, quadri fatti per le strade con petali di fiori e segatura colorata.

L'infiorata a Bolsena per il Corpus Domini
L’infiorata a Bolsena per il Corpus Domini

Nella cittadina a luglio vengono svolti i misteri di Santa Cristina, alcuni quadri viventi vengono mostrati in varie zone illustranti le sofferenze della santa bambina; uno dei tanti è quello in cui viene rappresentato l’inferno con i diavoli.La zona è anche molto ricettiva turisticamente per la gran quantità di agriturismi sulle colline sopra il paese.